La censura tocca anche il giornalismo calabrese

19 10 2010

La censura non riguarda solo la Rai.

Leggendo il fatto quotidiano di oggi, o leggendo qualcosa su internet, si vede in tutta evidenza (per fortuna) come Masi e la dirigenza Rai stiano zittendo tutti i giornalisti ed i personaggi “scomodi”, da Santoro a Fazio a Saviano, Albanese, benigni e chi più ne ha più ne metta.

Una censura più subdola ed odiosa, poichè riguarda i giornali locali che spesso, nella realtà calabrese, sono l’unica fonte di informazione visto che nè a Reggio nè a Catanzaro, ci sono sedi di quotidiani o di organi di informazione a portata nazionale.

Ci si attacca così a Calabria Ora (con l’editore indagato per usura), al quotidiano della Calabria che dopo anni di sonno sembra si stia risvegliando, per avere delle notizie quantomeno reali che riguardano la nostra realtà.

Quando ad una popolazione, però, si tolgono anche queste fonti, dove spesso lavorano giornalisti bravi, umili e professionali come Antonino Monteleone (macchina incendiata) o Lucio Musolino (benzina e biglietto allegato di fronte casa).

Proprio quest’ultimo, cui la ‘ndrangheta ha intimato di andare via da Reggio, è stato obbligato al trasferimento dal suo giornale, Calabria Ora.

Quando ad Annozero e non solo prova a dire che il suo allontanamento favorisce le ‘ndrine che lo hanno minacciato, viene anche querelato dal suo direttore e licenziato dai suoi editori, ad insaputa, però del direttore Sansonetti.

Questo è  il giornalismo calabrese, fatto di minacce, intimidazioni, licenziamenti e trasferimenti da parte di giornali collusi col vero potere che impera in Calabria, dove però si accetta di scrivere perchè unica strada per far arrivare una notizia alla gente.

Non permettiamo a Lucio Musolino di non poter scrivere più di mafia poichè già siamo un popolo che sta crogiolando nell’ignoranza, e spesso non per colpa nostra.

Annunci

Azioni

Information

One response

25 10 2011
Anonimo

Sono Giuseppe Mellace, e-mail giuseppe_mellace@libero.it il mio commento riguarda proprio voi giornalisti in particolare per dire grazie ed incoraggiare i pochi che hanno il coraggio di scrivere e di scrivere la verità. E’ da qualche anno ormai che a Catanzaro non riesco più a far pubblicare una mia nota stampa. Forse perchè ai giornalisti catanzaresi manca il coraggio di scrivere contro i potenti, siano essi politici o appartenenti a varie istituzioni, eppure sanno che quanto affermo e la pura verità. Spero tanto di poter incontrare presto qualcuno che abbia voglia di ascoltarmi e di dare voce al silenzio diventato oramai assordante intorno a me. La mia e-mail lo indicata il mio recapito telefonico è: 3683580589. Grazie e cordiali saluti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: