Circo Italia in città

29 11 2009

Trocate le differenze…poi alla fine se qualcuno scrive di mafia va strozzato…perchè il nostro presidente del consiglio è una brava persona, aiutato da quell’altra bravissima persona di Morfeo Napolitano…

Cazzo abbiamo un governo da circo…
Venghino signori venghino, Morfeo Napolitano, l’uomo al mondo che riesce a firmare anche quando dorme (cioè sempre).
Venghino signori venghino, il presidente del consiglio dei ministri talmente basso che anche Brunetta si sente un gigante, una delle poche persone che oltre a essere basso, riesce ad essere corruttore, mafioso, piduista, puttaniere ed evasore fiscale…tutto in uno signori! Uno che in confronto uno zombie di resident evil assomiglia a Paperino…
E per finire il suo avvocato, una figura più simile a Lurch della famiglia Addams che ad un esere umano, l’unico uomo che trova sempre legittimi impedimenti per tutto, anche per andarsene a fanculo!

Come si fa ad abbattere un governo con questi numeri???

Annunci

Azioni

Information

3 responses

1 12 2009
kurtz77

lungi da me difendere chicchessia, ma un presidente della repubblica, a parte sollevare le sue legittime critiche ad una legge e rinviarle alle camere per una ulteriore discussione “migliorativa” non può fare. La sua funzione è una funzione di arbitro senza cartellino rosso. E non vale nemmeno la doppia ammonizione. Può solo prendere atto che il Parlamento, anche dopo le sue “legittime critiche”, non intenda modificare quanto presentato in prima istanza. Ed a quel punto firmare lo stesso.
Il problema non viene tanto dalle figure istituzionali, quanto dagli elettori che continuano a tollerare questo malcostume, questa arroganza politica, questo populismo che sa semplicemente trincerarsi dietro la barriera (strumentale) che tutto viene fatto perchè gli elettori lo vogliono e gli elettori ci hanno investito dell’incarico e… insomma conosci anche tu la tiritera. Oggi, in Italia, democrazia vuol dire prevaricazione delle minoranze.
Se è questo che vogliono gli elettori, allora sto governo ha tutti i numeri per fare le sue porcate.

2 12 2009
darkfender

nella prima parte non condivido che il presidente sia solo un arbitro senza cartellino rosso, penso che abbia tutti gli strumenti per richiedere una revisione motivata delle leggi, nella seconda parte… certo siamo noi che lo abbiamo votato e non diciamo niente…

4 12 2009
kurtz77

Art.74 della Costituzione Italiana:

ll Presidente della Repubblica, prima di promulgare la legge, può con messaggio motivato alle Camere chiedere una nuova deliberazione.

Se le Camere approvano nuovamente la legge, questa deve essere promulgata.

La prassi vuole che, quando un presidente rinvia una legge alle camere, i due rami del parlamento tengano nella dovuta considerazione i rilievi sollevati. Ciò non toglie che, se il parlamento, dopo un ulteriore dibattimento, ritenga di non dover integrare nulla e quindi la legge va bene così com’è, il presidente della repubblica debba firmarla in seconda istanza, senza aver nessun potere di veto.
La figura del presidente è semplicemente una istituzione di garanzia, senza alcun potere effettivo.
E’ il simbolo di una nazione e, in qualche modo, un “osservatore” delle istituzioni. Garantisce, insomma, che i due rami del parlamento facciano le cose secondo le regole.
Siamo una Repubblica parlamentare, il potere legislativo è esclusivo appannaggio del parlamento, che dovrebbe discutere e approvare le leggi e può farlo anche integrando i rilievi del parlamento stesso, che provengano da maggioranza o opposizione.
Questo almeno in teoria.
La pratica vuole che per evitare la discussione e/o smorzare le contraddizioni che possono nascere anche all’interno della stessa maggiornza, si ricorra spesso alla fiducia. Che smarca il dibattito parlamentare e la possibilità di una modifica in prima battuta di un DDL.
Il presidente della Repubblica può fare ben poco finchè il parlamento, almeno formalmente, si attiene a regole e strumenti previsti dalla costituzione. (la fiducia nasce come strumento all’ostruzionismo parlamentare che può venire dall’opposizione e in genere la usano i governi che hanno maggioranze risicate, non un governo che ha più di 100 deputati in più, per approvare i suoi progetti. L’uso della fiducia nel governo Berlusconi serve evidentemente a scoraggiare gli “scontenti” della propria coalizione.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: